Siti di incontro, milioni di italiani li frequentano: e sapete perché? | Non è più come prima

Cresce l’utilizzo di siti e app di incontri. Soprattutto in Italia, da qualche anno, li usano praticamente tutti: ecco i motivi di questo boom

Nell’epoca che viviamo, in cui siamo sempre iperconnessi, anche le relazioni sentimentali, anche il sesso e i piaceri della carne si trovano online. Questo non da oggi. Le app di dating e di incontri, infatti, proliferano da molti anni ormai. E la loro evoluzione sta portando gli italiani a iscriversi in massa.

Dating online
Boom del dating online in Italia foto: Ansa – nursenews.it

Siamo sempre connessi. Al computer, con i tablet. E che dire degli smartphone che, ormai, sono una propaggine del nostro corpo. Inevitabile che, comportamenti del genere, possano portare a essere alienanti quando si parla di rapporti interpersonali. E, allora, anche conoscere nuove persone, cercare di instaurare una relazione sentimentale, diventi difficile dal vivo. Quindi si ricorre all’uso della tecnologia.

Del resto, il proliferare di siti e app di incontri e di dating non è una notizia di oggi. Si tratta di piattaforme che sono in essere già da qualche lustro. Le persone sono ormai convinte che online sia più facile conoscere qualcuno. Anche in Italia, in tanti si sono iscritti a questi social dedicati all’amore e al sesso. Ecco perché.

Il boom dei siti di incontri in Italia

Ovviamente, come è accaduto per diverse altre tendenze, la pandemia da Covid-19 ha dato forte impulso a questo tipo di servizi. Non dobbiamo dimenticare, infatti che, per gran parte del 2020 siamo rimasti di fatto confinati in casa, senza la possibilità di interagire dal vivo con nessuno. E le restrizioni degli anni successivi non hanno di certo favorito la nascita di relazioni interpersonali.

Siti di incontri, perché gli italiani ci vanno
Siti di incontri, perché gli italiani ci vanno – Foto: Ansa – nursenews.it

E così, app e siti di incontri ci hanno fatto sentire meno soli in quei mesi. E, magari, a qualcuno hanno dato anche piacere, emotivo e fisico, sebbene a distanza. Con la situazione tornata alla normalità, però, questi siti e queste app non sono scomparsi.

Anzi, la possibilità di incontrare qualcuno tramite la geolocalizzazione, infatti, stuzzica la fantasia di molti. Tinder è l’app più famosa, con 9 milioni di iscritti solo in Italia. Ma anche Bumble, Happn, Once, Inner circle.

Ma è davvero quello che vogliamo? Gli esperti di psicologia e sessuologia, infatti, sono preoccupati da questa tendenza, che ci porta a scegliere le persone come se fossimo in un catalogo merci. E, a volte, senza nemmeno il fascino della scoperta, ma già con obiettivi dichiarati, quali: amicizia, relazione stabile o sesso.

Online, infatti, perdiamo ogni freno inibitorio, lo schermo funziona da scudo e anche i più timidi si lanciano. Ma così facendo, spiegano gli esperti, ci si distacca dalla realtà, perdendo il controllo delle proprie emozioni e della propria sfera sentimentale.