Ciclo mestruale, dolori più forti del normale? Ecco quando consultare il medico

Si tende a pensare che i crampi siano una conseguenza inevitabile del ciclo mestruale. Ma oltre un certo limite devono far scattare un campanello di allarme. 

Da che mondo è mondo il dolore è un sintomo normale delle mestruazioni. Di conseguenza, gli operatori sanitari liquidano i picchi di sofferenza delle donne come momenti semplicemente “pesanti”, senza esaminare ulteriormente le possibili cause del dolore. Ma il dott. Karan Rajan la pensa diversamente.

ciclo mestruale dolori più forti del normale consultare medico
Ciclo mestruale, perché i dolori sono più forti del normale – Nursenews.it

Rajan, docente e chirurgo “star” di TikTok, che opera per il servizio sanitario nazionale britannico (Nhs), spiega innanzitutto qual è la vera causa dei crampi mestruali e avverte che oltre una certa soglia di dolore c’è da preoccuparsi seriamente. Il famoso medico ha pubblicato un illuminante video sulla sua pagina Instagram: ecco tutto quel che non sapevamo sul ciclo.

Quando i dolori del ciclo mestruale non sono “normali”

“Durante le mestruazioni, vengono rilasciate sostanze chimiche chiamate prostaglandine che stimolano l’utero a contrarsi e a perdere il suo rivestimento interno”, spiega il dottor Rajan al Mirror. Sapevate che queste stesse sostanze chimiche sono anche responsabili dell’innesco delle contrazioni durante il travaglio? Più alto è il livello di prostaglandine rilasciate, più crampi si sperimenteranno, ha continuato il medico.

ciclo mestruale dolori più forti del normale consultare medico
I crampi mestruali: cosa significa quando sono più forti del normale – (Nursenews.it)

Quando la parete dell’utero si contrae, comprime anche i vasi sanguigni che rivestono l’utero. Questo riduce temporaneamente l’afflusso di sangue e ossigeno ai tessuti uterini e senza ossigeno, questi tessuti entrano in uno stato noto come ischemia “, ha aggiunto il dott. Rajan. Ciò a sua volta richiederà il rilascio di alcune sostanze chimiche che causano dolore, nonché il rilascio di più prostaglandine, “che rendono l’utero ancora più contratto”.

Oltre ai crampi, le prostaglandine possono avere un altro effetto collaterale tutt’altro che piacevole. Possono causare anche la contrazione dei muscoli della parete del colon, con conseguente diarrea. “I crampi mestruali fanno parte del normale meccanismo delle mestruazioni e possono variare da persona a persona e da ciclo a ciclo – rimarca il medico -. Ma è qui che i medici a volte possono diventare sprezzanti della salute ginecologica. Fin troppo spesso si presume che una persona che presenta gravi dolori stia solo avendo un periodo pesante, mentre in realtà potrebbe esserci una causa sottostante e qualcosa che può essere fatto per trattare il problema”.

L’esperto elenca una serie di condizioni che potrebbero rendere il ciclo mestruale particolarmente doloroso: endometriosi, adenomiosi, fibromi, malattia infiammatoria pelvica. Di qui l’esortazione del dott. Rajan a consultare un medico se il dolore mestruale impedisce di portare avanti le normali attività. “Solo perché il dolore mestruale esiste da milioni di anni non significa che le donne debbano soffrire in silenzio”, conclude.

Impostazioni privacy