Francia, è la fine di questa ‘cultura’: cosa sta succedendo

In Francia si sta verificando la fine di una “cultura”. La popolazione sta vivendo una profonda trasformazione sociale.

Non ci sono dubbi sul fatto che la Francia sia un paese di grande storia e cultura. Quello che però non tutti sanno è che sta attraversando un periodo di profonda trasformazione in negativo, che si ripercuoterà sulle generazioni future.

Francia verso la fine della cultura
La Francia sta per dire addio alla sua storica cultura – Nursenews.it

La Francia è sempre stato uno di quei paesi in cui i movimenti artistici si sono mossi con grandissima vitalità, parliamo ad esempio del realismo e dell’impressionismo, ma anche del  dadaismo. Il paese, inoltre, in 150 anni di storia, ha dovuto affrontare anche numerose guerre, soprattutto contro la Germania.

Dopo la seconda guerra mondiale, i francesi si sono impegnati nella ricostruzione, vivendo quindi un periodo florido, economicamente parlando. A livello politico la Francia del dopo guerra ha sempre lavorato per portare la pace in Europa e nel resto del mondo, promuovendo il dialogo democratico e pacifista.

Tale obiettivo era condiviso dalla maggior parte delle nazioni europee che avevano la medesima cultura giudaico-cristiana, ovvero quella morale comune racchiusa all’interno di una scuola di pensiero. È proprio questa cultura che si sta avviando verso la fine.

Francia, fine della cultura giudaico-cristiana: cosa sta accadendo

La globalizzazione ha sconvolto il mondo, portando nuove idee e nuovi valori. Ma a destabilizzare tutti i paesi fu un tragico evento: l’attacco alle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001 a New York. Tutte le nazioni del mondo subirono un grande cambiamento, importante e radicale, compresa la Francia.

Francia fine della cultura giudaico-cristiana
La Francia verso la fine della cultura giudaico-cristiana – Nursenews.it

Ebbene sì, la cultura giudaico-cristiana francese è cambiata quell’anno. È proprio in quella circostanza che la popolazione si rese conto che non sarebbe più tornata a essere quella dei famigerati gloriosi anni Trenta, quando nella classifica delle nazioni più potenti al mondo era al quinto posto.

Nel corso del XX secolo, il ruolo e l’influenza della Francia era evidente sulla scena internazionale. Le cose sono cambiate in modo radicale nel XXI secolo, quando il suo potere e la sua influenza a livello globale si sono notevolmente ridotti. L’unico posto di rilievo della nazione francese è quello all’interno del Consiglio di sicurezza dell’Onu

Quello della Francia, a differenza di cinquant’anni fa, è un potere mediocre, oltre che profondamente instabile e meno efficace. Proprio per questo motivo si parla di declino della cultura giudaico-cristiana, compreso quello degli intellettuali francesi, perennemente insoddisfatti.

Attualmente, la Francia è la settima potenza economica mondiale secondo il Fondo Monetario Internazionale, oltre a essere la terza potenza economica in Europa, appena dietro alle storiche rivali Germania e Regno Unito. Un declino che abbraccia ato per diverse ragioni: economicamente, culturalmente amministrativamente.

Impostazioni privacy